Il progetto Life+ TROTA ha come obiettivo la conservazione delle popolazioni esistenti di trota mediterranea (Salmo macrostigma), l'unica trota originaria dell'Italia centro-meridionale, in alcuni importanti bacini idrografici dell’Appennino centrale (Metauro, Cesano, Esino, Potenza, Chienti, Tevere e Tenna). Analisi ambientali, campionamenti ittici, attività di sensibilizzazione, reintroduzione e ripopolamento con trote autoctone: sono solo alcune delle attività di progetto che mirano a “mettere in sicurezza” le ultime popolazioni di Salmo macrostigma e a favorirne la diffusione nei corsi d’acqua appenninici dove è stata progressivamente soppiantata da trote appartenenti alla specie atlantica (Salmo trutta) immesse a scopo di ripopolamento.

News

18 luglio 2016

A cura del team dei ricercatori Life TROTA

Durante la prima metà del 2016 le attività del progetto Life+ TROTA sono proseguite rispetto alle azioni concrete di conservazione, sia per quanto riguarda l'ottenimento delle uova fecondate, sia rispetto alle attività di ripopolamento nei siti individuati nei primi mesi del progetto. Da non dimenticare, inoltre, le attività di monitoraggio delle portate di magra dei corsi d'acqua coinvolti nell'azione di reintroduzione. Ciò ha permesso l'elaborazione di un primo modello per la stima del deflusso minimo vitale idoneo alla sopravvivenza della trota macrostigma.

Le attività concrete di conservazione della trota macrostigma continuano senza sosta: basti pensare che grazie alle attività svolte sul campo dai partner del progetto, fra il primo e il secondo anno sono state campionate 486 trote selvatiche. Queste sono state fotografate, marcate con elastomeri di differente colore secondo il bacino di provenienza (Tevere, Tenna, Chienti e Potenza) e munite di un microchip con un codice individuale.

Life Trota newsletter

Stay informed on our latest news!